lunedì 22 ottobre 2007

Il Ranking si avvicina

Il torneo che si preannuncia come il più affollato della stagione è ormai alle porte.

Cliccando QUI vi teletrasporterete nel post relativo al torneo.

Quello che in questo post vorrei chiedere all'organizzatore sono dei chiarimenti in merito alle regole che verranno adottate, ed in particolare:

  • peones vale? ed ahilui?
  • cosa succede allo scadere del tempo di uno dei due giocatori?
  • nel caso di tempo supplementare cosa accade allo scadere anche di quest'ultimo?
  • valgono le enclisi sui verbi intransitivi?
  • i principianti possono consultare gli elenchi da 2 e 3 lettere?
  • si gioca con il cambio secco?
  • quante lettere residue per cambio secco/vocali cons. e cambio a pagamento?
  • quale penalità paga chi non chiude?

GRAZIE

21 commenti:

Marghe ha detto...

Perchè non dovrebbero valere le enclisi sui verbi intransitivi? Se hanno funzione di complemento indiretto, secondo me, sono validissime... O mi sbaglio? :-O
ANDARCI, per esempio, chi puo contestarla (Marcuccio a parte)? :-)

Nicotorres ha detto...

Purtroppo il problema non è andarci ma ostamene per esempio giocata da Maurizio a Canda!

Anonimo ha detto...

Beh...nei verbi intransitivi si controlla che l'enclisi non riguardi un complemento oggetto. ...o forse ho fatto una considerazione banale...

k

Marghe ha detto...

Che funzione avevano le particelle ME e NE? A me sembra evidente che il ME è un complemento indiretto (direi di termine)e quindi buono, mentre il NE mi sembrerebbe un complemento diretto (oggetto) e quindi non valido x un verbo intransitivo... Maurizio come lo intendeva? Se mi sfugge una funzione diversa...

giambrix ha detto...

peones direi no per via della regola generale;
ahilui si perchè nello Zingarelli è chiaramente specificato che "si usa";
1 cambio secco per me ok;
spero si utilizzi ancora lo zinga2007;
sulle enclisi dei verbi intr. sarei drastico, sennò non arriveremo mai ad un punto fermo.

Dragone ha detto...

PEONES è valida per ben due motivi:
Il primo è che la parola PEON non è invariabile.
La seconda è che PEONES è inserito nella definizione nel contesto di una frase che ne rafforza l'utilizzo in lingua italiana,inoltre ha un'occorrenza maggiore del suo singolare PEON.

Io la vedo così.

Dragone ha detto...

Poiché è impensabile rinunciare alle enclitiche su verbi intransitivi come : andare,venire,tornare,stare,essere è necessario che le questioni sui verbi intransitivi sia di competenza degli arbitri.
Mi rendo conto che la questione è alquanto spinosa ma non vedo molte alternative,la ricchezza linguistica della lingua italiana non può essere ingabbiata nemmeno da un rigido regolamento.

Anche questa è una mia personale opinione.

Marghe ha detto...

Mauri, mi spieghi OSTAMENE? Ma l'han data buona?

Secondo me l'enclitica è uno degli aspetti più ricchi e creativi dello Scrabble italiano; non mi sembra abbia un senso privare di enclisi i verbi intransitivi. O si accettano con tutti i verbi, o non si accettano. Perchè non varrebbero solo per quelli intransitivi? Escono cose molto astruse anche lavorando con i transitivi, no? E allora, se vogliamo creare dei criteri, bisogna farlo per tutti i verbi, secondo me.
Buona una? Buone due? Buone solo se usate correntemente? Buone se corrette dal punto di vista funzionale?

Pare che Einstein abbia detto "Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna."

Potrebbe essere un criterio anche questo: valgono le enclisi cui le nostre nonne riuscirebbero a dare un senso... :-)

giambrix ha detto...

Il fatto che il concorrente "debba spiegare" la propria parola è la cosa più sbagliata. Dovrebbero bastare un regolamento chiaro ed un arbitro accorto. Io mi sono affidato agli arbitri che, con un "due su tre", hanno bocciato la parola. Non è affatto semplice l'uso delle enclisi sugli intransitivi e, come dice eddi, noi siamo portati sempre a dare come buone le enclitiche sui verbi che ci sono familiari, solo perchè il nostro orecchio le recepisce meglio. Io non sono affatto convinto che "ostamene" o "ansatene" siano giuste, ma ritengo che in italiano l'uso di alcune particelle come "ne" sia molto vasto da rendere possibili forme apparentemente strane. "Ne" non è mica solo compl.oggetto, ha valore di specificazione, di argomento, partitivo ecc.
Vi assicuro che continuando come abbiamo fatto emergeranno sempre criticità e discussioni.

Marghe ha detto...

Scusa, forse non mi sono spiegata; chiedevo a te di spiegarmela ora, per capire la logica con cui l'avevi giocata, non intendevo dire che tu dovessi spiegarla agli arbitri.
Ovvio che un arbitro preparato e attento sa come muoversi col dizionario e con proprie valutazioni del caso.

Quanto alle discussioni, se l'arbitro è autorevole, e i criteri del regolamento chiari, non vedo il problema: a lui sta decretare.

Riemerge il problema della figura dell'arbitro...

giambrix ha detto...

come ho detto in un altro post, io speravo che avesse anche una forma transitiva. Non so, come intransitivo si potrebbe attribuire al "ne" il significato di "di cio'", "di queste cose".
ostare = impedire.
Mi rendo conto che non è chiarissimo, ma infatti io non voglio dire che mi dovevano dare buona la parola. Non l'ho preteso affatto. Solo che un arbitro dovrebbe poter dire: "la funzione di questa enclisi non rientra tra le casistiche previste dal regolamento". E, di conseguenza, prima ancora di un buon arbitro, occorre un regolamento con le casistiche di giocate valide.

Anonimo ha detto...

maurizio, .....parole sante

stefano

Nicotorres ha detto...

Mi trovo più d'accordo con Maurizio e Stefano che con Margherita. Un arbitro può essere autorevole quanto vuoi ma se non ha regole chiare poco può fare. A Canda, per esempio, Rino ed Eddi - due arbitri più che autorevoli direi - il primo ha convalidato "ostamene" il secondo no (io mi autoescludo considerandomi l'ultimo arrivato).
Sbaglia qualcuno? A mio avviso sbagliamo tutti noi che ancora non siamo riusciti a darci delle regole chiare in base alle quali giudicare.

rinodam ha detto...

sugli interrogativi di andrea penso si possa esprimere il gruppo di lavoro di sabato mattina prima del torneo. Penso tuttavia che per i lemmi stranieri, se NON invariabili, si possano usare le flessioni nella lingua di origine riportate nel vocabolario (ad es. Pampa pl.spagnolo pampas e pl. italianizzato Pampe; sono valide entrambe) (altro es. Maraca: vale solo il pl. spagnolo Maracas; non c'è traccia sullo zingarelli di plurale italianizzato tipo Marache). Tempo scaduto: diamo pure un tempo supplementare con penalità; finito anche questo l'altro giocatore esaurisce le sue mosse. Enclitiche: certo, anche sugli intransitivi purchè grammaticalmente corretti; è inutile discutere: OSTAMENE, MUSATENE, ANSATENE non esistono. Esistono invece CAMMINACI (sopra) VAMMI ( a prendere) VATTENE (a quel paese) ecc. Abbiamo paura di confrontarci con la grammatica e mettere in dubbio la capacità di un arbitro di dirimere le controversie? No alla consultazione degli elenchi da 2 o 3 lettere; negli ultimi tornei non lo abbiamo fatto. Il cambio secco è una variante che mi pare abbia incintrato il favore della maggioranza dei giocatori; lo darei ormai per acquisito. E lo consentirei fino a quando nel sacchetto sia rimasta anche una sola lettera. Tre lettere come minimo, invece, per il cambio a pagamento ( qui mi adeguo ai desideri altrui). Fino a nuovo regolamento che eventualmente faccia valere doppio il valore delle lettere residue, lascerei per il momento invariata la regola attuale. A presto.

Nicotorres ha detto...

Chiedo venia, piccolo errore, Rino non ha convalidato "ostamene" mentre eddi si.

Marghe ha detto...

Vi chiederei gentilmente di rileggere i miei post. Sono giunta a parlare di ARBITRO, dopo aver richiesto chiari CRITERI di riferimento. Non ho parlato di discrezionalità dell'arbitro.

Quanto alla citazione di Einstein, era evidentemente una battuta.

Nicotorres ha detto...

Si, infatti. Si sta cercando di arrivare a quei chiari criteri regolamentari da te auspicati.

Anonimo ha detto...

imparato molto

Anonimo ha detto...

leggere l'intero blog, pretty good

Anonimo ha detto...

molto intiresno, grazie

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu